LIVE: De Zerbi pre Sassuolo-Spal

23.02.2019 13:25 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 263 volte

Dopo la batosta di Empoli, il Sassuolo deve ripartire dalla partita interna contro la Spal. A breve le parole di Roberto De Zerbi alla vigilia del match. Stay tuned!

Sulla settimana post Empoli: "La nostra squadra è formata da persone, prima che da calciatori, perbene, questa è una caratteristica che questa società va a cercare e io sono d'accordo. Non c'è motivo di trattare male i giocatori. C'è motivo di arrabbiarsi per una partita fatta male, ma qui non ci sono lavativi che non si impegnano, abbiamo altri difetti ma qua si impegnano tutti al 100%. Abbiamo sbagliato gara, abbiamo parlato, con qualcuno sono stato anche forte, a volte serve alzare la voce, ma senza uscire dalla norma, mi assumo la colpa dopo le sconfitte perchè lo penso e difendo i miei ragazzi perchè meritano di essere difesi. Che il Sassuolo possa fare partite come quella di domenica a Empoli ci può stare, basta guardare l'anno di nascita dei giocatori, uno di trent'anni sa che la partita di Empoli è più difficile di quella con la Juve, uno di venti magari no, compito dello staff tecnico è non nascondere la polvere sotto al tappeto e provare a preparare i ventenni, perchè non lavoriamo solo per l'oggi, è chiaro che qualche scelta potevo farla diversa e magari domani sarà così, ma a volte dobbiamo sbatterci la faccia. E' stata una settimana in cui abbiamo sorriso e scherzato meno, ma non volutamente, perchè viene naturale in una settimana così. Al di là del mancato giorno libero, che non è un dramma, si è lavorato normalmente".

Sul match di domani: "Spero di avere una squadra che si porti la sofferenza della prestazione di domenica, perdere così ti deve lasciare una sofferenza che dura tutta la settimana e fino al momento prima della partita successiva, perchè se non fosse così tra un mese o tra un anno andremmo ancora a Empoli a perdere 3-0, se una sconfitta così non ti tocca, bisogna cambiare mestiere. La Spal è una squadra viva, nonostante i risultati, sarà una partita difficile, uguale identica a quella con l'Empoli".

Sulla condizione e sulle scelte di domani: "Qualcosina cambio negli uomini, c'è qualcuno che tira la carretta da tanto e ha bisogno di riposare anche mentalmente, altri li sto vedendo bene, non siamo tutti uguali, alcuni sanno come reagire a certe situazioni e cosa serve in una partita come quella di domani, altri meno".

Berardi: "Domani è squalificato, ma ha preso anche una botta alla caviglia in settimana, niente di che, martedì si riaggregherà normalmente alla squadra".

**riproduzione riservata