LIVE: De Zerbi pre Sassuolo-Milan

29.09.2018 15:55 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 243 volte

Domani sera al Mapei Stadium arriva il Milan. A breve live le parole di Roberto De Zerbi alla vigilia del match. Stay tuned!

"E' una partita bella da giocare e da preparare, perchè il Milan è una squadra che gioca, ha raccolto poco per quello che ha fatto vedere, avrebbe meritato di più. Sarà una partita difficile, che cercheremo di giocare con la stessa voglia, lo stesso coraggio, la stessa intenzione di fare bene e fare punti".

Sul fatto che tutti i giocatori stiano facendo bene: "Il merito è dei giocatori che son bravi, si allenano bene e mi danno la possibilità di cambiare, e poi della società che ha costruito una rosa ampia e di qualità, che io devo far rendere al massimo senza disperdere nessun elemento. L'allenatore, vedendo questo spirito di gruppo, questa unità di intenti, questa voglia di mettere un obiettivo prima di tutto, non può che essere contento".

Sull'avversario: "Noi del Milan dobbiamo temere tutto, le individualità, l'organizzazione, la voglia di rifarsi dagli ultimi risultati. Meriterebbero una classifica diversa da quella che hanno. Non sempre alle prestazioni corrispondono i risultati, ma credo che alla lunga chi cerca di giocare raccolga qualcosa, spero che non inizino a raccogliere da domani. E' sempre il Milan, perciò va rispettato e preso con l'atteggiamento giusto, è nel DNA una squadra che non muore mai".

Sulle partite ravvicinate: "Noi dobbiamo concentrarci su quello che possiamo determinare noi, il calendario non è tra queste cose. Gli impegni ravvicinati ci sono per noi, ma anche per il Milan. La rosa mi dà l'opportunità di cambiare. Non dobbiamo pensare alla stanchezza perchè potrebbe intaccare la nostra lucidità".

Sulla personalità dei giovani: "Non credo che la personalità vada di pari passo con l'età. L'allenatore può aiutare un calciatore ad esprimerla, ma il calciatore deve averla di suo ed è indispensabile e determinante".

Sulle condizioni della squadra: "Duncan sarà fuori anche domani, cercheremo di recuperarlo per Napoli ma senza rischiare di perderlo per più tempo. Ha un problema muscolare avvertito già nel primo tempo con l'Empoli e nel secondo tempo è stato determinante. Finchè ci sarà questa voglia di fare risultato, faremo benissimo. E non è solo una caratteristica di Duncan, ma di tutti quelli visti in campo finora. E verrà il tempo anche per quelli che adesso sono un po' più trascurati dal punto di vista del minutaggio, come Lemos, Dell'Orco e Pegolo, che è una degli elementi più importanti per il gruppo. Cerco di pensare tanto per trovare la soluzione migliore, cercando di fare meno danni possibili".

Sui complimenti ricevuti come mister: "Non avessi vissuto gli ultimi due anni, forse penserai all'opposto, ma avendo vissuto amarezze, sconfitte, si rischia di farsi delle domande e di mettere in discussione le proprie certezze. Ho avuto la fortuna di avere un grande staff con me. Non ho ancora i capelli bianchi ma ho abbastanza esperienza per sapere che bastano due partite perse o giocate male per rispedirti nella cenere. Il "De Zerbismo"? Sono cose che contano poco, l'ho detto e lo penso, sono i giocatori quelli che vanno in campo, lo pensavo da calciatore e me lo tengo bene impresso ora da allenatore".

**riproduzione riservata