LIVE: De Zerbi pre Sassuolo-Bologna

07.11.2019 13:50 di Valentina Spezzani Twitter:    Vedi letture

Dopo il pareggio di Lecce, il Sassuolo ospita il Bologna nell'anticipo del venerdì sera. A breve le parole di De Zerbi alla vigilia del match. Stay tuned!

"Sulla classifica domani non vale più di Lecce, ma c'è la voglia di continuare bene, a Lecce non è stata la miglior partita della mia gestione, ma delle cose positive si son viste, la speranza è data continuità a quel coraggio e a quella voglia di fare la partita, sperando di commettere meno errori. La classifica non è bellissima ma è anche vero che ci manca una partita, magari la perdiamo ma magari la vinciamo e allora saremmo undicesimi, quindi non voglio una squadra come nel secondo tempo della Fiorentina".

Sulla condizione: "Rientrano Magnanelli e Caputo, Bourabia dovrebbe venire in panchina, Marlon lo valutiamo oggi, non si è allenato fino ad oggi, vediamo come sta. Obiang è squalificato. Delle assenze non mi lamento perchè credo che la nostra squadra sia forte in tutti gli effettivi, poi ovvio che tre assenze in difesa pesano, ma chi li ha sostituiti dal mio punto di vista non ha meno qualità".

Sul Bologna: "Ha coraggio, ha un'identità forte, ha scelto come arrivare al risultato, oltre al collettivo ha molte individualità importanti, ma io essendo innamorato dei miei calciatori penso a quello che possono fare per impensierire l'avversario, a partire dai difensori. Qualcuno può fare di più ma ha delle attenuanti, Marlon non è ancora quello dell'anno scorso perchè è stato fermo tanto, Romagna è arrivato tardi, Toljan, Kyriakopoulos e Tripaldelli non hanno ancora tante partite. Anche il Bologna ha meno punti di quelli che si merita, ha fatto sempre partite vere, partite buone".

Sulla sosta: "La vittoria è importante sempre, non solo prima della sosta, ma io credo che questa squadra debba giocare, con la Fiorentina abbiamo perso giustamente, perchè abbiamo preso la strada sbagliata e nel secondo tempo ci hanno schiacciato. Dobbiamo pressarli, giocare, per arrivare a fare gol come quelli di Toljan, per muovere la palla come nel secondo tempo di Lecce, magari in maniera più veloce".

Sulla crescita della squadra: "Non mi aspettavo di essere più avanti di come siamo per percorso perchè abbiamo cambiato tanti giocatori e molti sono arrivati tardi, abbiamo giocato tante partite ravvicinate e non c'è tanto tempo per allenare, mi sarei aspettato di più per contiuità, qualche scoppola ci ha pesato e condizionato, Roma e Atalanta. Qualche punto in più penso che un po' ce lo saremmo meritato e un po' ce lo aspettavamo".

Su Berardi: "Sia con Fiorentina che con Lecce non era brillantissimo, ma se sta bene gioca sempre, a volte lo faccio riposare in settimana. E' un giocatore di qualità atipico, più corre più esalta le sue qualità, ed è un giocatore determinante. Ci sono altri titolari, Boga, Locatelli, anche se non gioca sempre, se sta bene e spinge gioca".

Su Kyriakopoulos: "Ha fatto bene e non me lo aspettavo neanche. Qualcuno mi ha chiesto perchè non lo avessi fatto giocare prima, adesso lui capisce l'italiano, quando è arrivato no. Ho fatto un po' di esperimenti, Tripaldelli dopo l'Inter non l'ho visto per quindici giorni, Peluso dà garanzie, poi c'è Toljan, ho dato spazio anche a Kyriakopolous, e ha fatto bene, spero dia continuità e infatti domani gioca, spero si liberi e attacchi anche di più, così come Toljan, che quando arriva negli ultimi venti metri è lucido, lo ha dimostrato anche a Lecce a fine partita".

Sul modulo: "Potremmo giocare puntando sugli esterni o a rombo, come con Samp e Spal, dipende dai giocatori che ho a disposizione. E' chiaro che questa squadra quando ha ampiezza può far male, è pericolosa. Però con l'Atalanta avevamo ampiezza e non siamo stati pericolosi, con la Samp non avevamo ampiezza e lo siamo stati".

**riproduzione riservata