LIVE: De Zerbi pre Chievo-Sassuolo

03.11.2018 13:55 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 254 volte

Domani alle 15 il Sassuolo scenderà in campo al Bentegodi contro il Chievo, ancora a caccia della prima vittoria in campionato. Partita insidiosa quindi per i neroverdi di Mister De Zerbi, che tra poco parlerà nella consueta conferenza stampa della vigilia. Stay tuned!

"Le insidie di questa partita le conosco bene, il che non vuol dire essere sicuri di fare una grande partita o di fare una vittoria, ma le conosco perchè l'anno scorso ero nella stessa situazione del Chievo, so cosa ci si dice nello spogliatoio quando si è in quella posizione di classifica. E' una partita delicata, anche noi siamo in un momento delicato, non tanto per le prestazioni, ma per quello che stiamo raggiungendo sul campo. Dovremo essere arrabbiati per arrivare alla vittoria e intelligenti sia dal punto di vista individuale, chiedendo di più a sè stessi, e del collettivo, tenendo ben presenti i nostri punti di forza. Ho rivisto tutte le partite, non posso rimproverare nulla alla squadra per impegno, ma alcune leggerezze e disattenzioni ci sono costate più care rispetto a quanto successo nelle prime gare. Calo di autostima? E' chiaro che venire da 6 partite e 13 punti, è diverso che venire da 4 partite 2 punti, ma in questo lavoro bisogna essere forti e rimanere obiettivi e lucidi. Dopo le prime 6 partite io avevo predetto che sarebbero arrivati periodi meno felici dal punto di vista dei risultati e che avremmo dovuto essere pronti, non è un momento difficile per il gioco, ma abbiamo 15 punti in 10 partite e non siamo appagati, perchè siamo consapevoli che possiamo fare di più e che con un pizzico di scaltrezza in più ne avremmo potuti avere 19-20".

Tornando al pareggio col Bologna: "Abbiamo preso gol subito, ed è colpa mia perchè se succede più volte è responsabilità dell'allenatore. Però la squadra in settimana si è allenata bene, forse ancora più concentrata".

Sulla condizione: "Boateng e Duncan sono rientrati ma non so se giocheranno dall'inizio, Bourabia è fuori e non so quando rientrerà ed è una perdita importante. Babacar ha un problemino e devo decidere coi medici se convocarlo o no".

Marlon col Bologna ha segnato un gran gol, Matri ha mancato quello della vittoria: "Marlon ha fatto la settimana migliore da quando è qua, è un giocatore che potrà arrivare a un top club europeo tra qualche anno, deve limare qualche difetto per la giovane età ma ha un potenziale altissimo. Matri si è sempre fatto trovare pronto, è un esempio per tutti, spero rimanga tutto l'anno, porta mentalità, maturità ed è molto importante per noi".

Su Berardi: "Berardi ha iniziato alla grande poi ha avuto un calo fisico, per questo a Napoli è partito dalla panchina, poi ha fatto benissimo entrando e dando continuità nelle partite dopo. Sta diventando un punto di riferimento per la squadra, non solo dal punto di vista tecnico. Magnanelli ha qualità di leadership naturali, Berardi deve migliorarsi per averle ma sta diventando un riferimento".

Sulla visita di Gregucci: "Gli ho consigliato qualcuno ma non dico chi, è importante che venga, è una motivazione in più per i ragazzi. Io credo che il modo di giocare della Nazionale sia simile al nostro. La convocazione dei nostri ragazzi deve essere un orgoglio per tutti".

**riproduzione riservata