Iachini: "Settimana di voci assurde, complimenti ai ragazzi"

13.05.2018 00:00 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 319 volte

Beppe Iachini arriva in sala stampa a San Siro afono, dopo una vittoria meravigliosa dei suoi: “E' una soddisfazione grande questo risultato, leggere certe dichiarazioni in settimana non è stato bello, noi abbiamo lavorato, fatto dieci risultati utili nelle ultime undici partite. Questo non riguarda Spalletti, i giocatori e la società, che sono seri. Ma le dichiarazioni lette parlavano di un Sassuolo fatto di persone non serie. E invece abbiamo fatto una buona partita, come ne abbiamo fatte altre, abbiamo dato continuità al lavoro, abbiamo fatto una grande rincorsa, siamo cresciuti tanto, nonostante gli infortuni e le problematiche”.

Sulla diversità rispetto al match col Milan: “Col Milan era la terza partita in una settimana, con diversi indisponibili, non avevamo la forza di fare di più, ci siamo difesi bene, ma abbiamo sofferto tanto nel finale con ragazzi che avevano dato tutto. Oggi eravamo in buona condizione psicofisica, devo fare i complimenti ai miei ragazzi per quello che hanno fatto contro una grande squadra”.

Su Berardi e Politano nel 3-5-2: “All'inizio anch'io ho fatto il 4-3-3, poi abbiamo avuto la partenza di Cannavaro e Gazzola, poi si sono infortunati Lirola e Goldaniga e ho dovuto variare, Berardi e Politano hanno dato grande disponibilità, un giocatore sa essere grande se sa affrontare diverse situazioni, e loro hanno dimostrato di essere attaccanti veri. Berardi ha fatto gol oggi, ma come partecipazione, impegno avrebbe meritato qualcosa in più”.

Sulla personalità dimostrata stasera dai giovani: “E' questo che voglio, sono venuti qui con grande personalità, sono giovani che hanno ancora tanto da imparare ma la strada è quella giusta, fanno ancora degli errorini, ma è normale”.

Sul suo futuro: “Ora non mi interessa, ci siederemo a un tavolo e io e la società parleremo. Io ho vissuto qui in questi mesi con un ottimo rapporto con tutti, dalla squadra alla società, a fine stagione vedremo, quello che dovevo fare l'ho fatto, sono felice di aver ripagato la fiducia di Squinzi, Carnevali e Ancelotti”.

**riproduzione riservata