Iachini: "Questi ragazzi mi hanno commosso"

 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 421 volte

Il Sassuolo si appresta a sbarcare a San Siro per affrontare l'Inter. La salvezza è già certa, la testa è libera e chissà che non ci scappi l'impresa un'altra volta. Beppe Iachini decide di aprire la conferenza stampa della vigilia con queste parole: "Martedì quando sono tornato al campo per la ripresa degli allenamenti è successa una cosa rilevante, che nella mia carriera, che è stata abbastanza intensa e con bellissimi risultati e salvezze e ottimi rapporti con tutti, non mi era mai successa. Al mio ingresso tutta la squadra si è alzata in piedi ad applaudire allenatore e staff. E' stato un grande gesto da parte dei ragazzi, importante, perchè fa capire le difficoltà che c'erano quando sono arrivato e quanto sentissero l'obiettivo salvezza difficile da raggiungere, si sono aggrappati al lavoro e questo per me è motivo di grande soddisfazione umana e professionale. Era giusto dirlo, di solito le cose di spogliatoio rimangono lì, ma questo era giusto che si sapesse".

Sulla stagione: "E' stata difficile, abbiamo avuto infortuni, sono partiti Gazzola e Cannavaro, la classifica era da scalare, non era facile, ma lo spirito e la mentalità costruiti vanno mantenuti fino alla fine onorando la stagione. L'Inter è una grande squadra, conosco molto bene Spalletti, l'ho avuto come allenatore, il Sassuolo deve fare la sua partita, poi se loro saranno più forti, sarà il campo a dirlo. Le voci sulla possibile goleada dell'Inter? Danno fastidio, è mancanza di rispetto, parliamo di professionisti e di uomini, sono cose antipatiche, non voglio dare peso a certe cose, poi si può vincere o perdere. L'Inter nei valori è certamente più forte, ma deve esserci rispetto per l'avversario. Noi decisivi per la zona Champions? Chi ci arriverà l'avrà meritato sul campo nel corso della stagione. Noi faremo del nostro meglio contro Inter e Roma".

Sull'avversario: "Si vede che hanno assimilato le idee di Spalletti, si vedono trame di gioco importanti, hanno ragazzi con grandi qualità, Icardi l'ho fatto esordire, gli voglio bene, così come a Eder. Per noi sarà una partita molto complicata, dovremo fare la gara più che perfetta per portare a casa un risultato positivo. Sarà più difficile dell'andata perchè loro sono cresciuti, hanno giocatori in più, sono più squadra, e noi abbiamo diverse problematiche e defezioni".

Sulle condizioni del Sassuolo: "Abbiamo spinto tanto nelle ultime settimane, oggi vedremo chi sarà arruolabile, cercheremo di mandare in campo un gruppo che faccia la partita giusta. Tutti sono titolari, vedremo chi starà meglio, non voglio neanche dar modo a certe voci di circolare con un turnover eccessivo, anche se tutti meriterebbero di scendere in campo. Dell'Orco? Le percentuali di averlo sono del 50% al momento, Letschert è ancora un po' indietro. Vedremo tra oggi e domani, stiamo preparando due soluzioni tattiche".

Su Berardi: "Contro la Samp l'ho visto bene, ma l'avevo visto bene anche in altre partite. Ho dovuto cambiare il modulo nel corso della stagione per i difensori che avevo a disposizione, Politano ha fatto il falso nueve e ha fatto tanti gol, Berardi da seconda punta ha fatto ottime gare, con la Samp ha conquistato lui la palla del gol e ha verticalizzato, è mancato il gol, ma sono contentissimo di quello che fa in settimana e in partita, sul suo impegno e sulla sua disponibilità non c'è nulla da dire, dà sempre il massimo".

Sul futuro: "Penso al presente, a fare del mio meglio con gli uomini a disposizione, mi sarebbe piaciuto riavere tutti ma non è possibile. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto, del rapporto costruito coi ragazzi, di aver valorizzato dei giovani e di aver raggiunto il risultato sportivo. Del futuro se ne parlerà al momento giusto".

**riproduzione riservata