Iachini: "La Lazio tra le tre migliori di Serie A"

24.02.2018 17:20 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 193 volte

Il Sassuolo aspetta la Lazio con un solo obiettivo, centrare la porta: “Stiamo continuando a lavorare sempre alla stessa maniera sulla fase offensiva, sul campo e a video e anche sotto l'aspetto psicologico – conferma Beppe Iachini nella conferenza stampa della vigilia - spesso non facciamo la scelta migliore e sbagliamo l'ultimo passaggio. Nella mia prima parte abbiamo portato a casa dieci punti, nella seconda siamo cresciuti sul piano del gioco e della manovra e non abbiamo concretizzato quanto creato. I dati dicono che nelle ultime cinque partite, Juve esclusa, per la pericolosità offensiva avremmo potuto portare a casa dieci punti e invece ne abbiamo presi tre”.

Sull'avversario di domani: “Sicuramente la Lazio è una squadra molto forte, negli ultimi due anni è una di quelle che ha fatto più gol e vinto più partite di tutti, a mio avviso insieme a Juve e Napoli è una delle migliori di serie A. E' una formazione molto molto pericolosa. Immobile? Lui è un grande giocatore, sa attaccare la profondità, ha fiuto del gol, è un attaccante di grande valore, lo aveva già dimostrato prima e lo sta facendo anche ora alla Lazio. Dovremo fargli arrivare meno palloni possibili, ma Inzaghi ha disposizione tantissimi giocatori in grado di servirlo al meglio. Non credo che l'impegno europeo abbia tolto loro energie, hanno una rosa ampia, cinque o sei giocatori hanno riposato, Inzaghi sta facendo un ottimo lavoro, la Lazio non è più una sorpresa ma una certezza di questa Serie A”.

Sulle condizioni dei suoi: “Non ho pensieri sul nostro approccio, quanto sulle condizioni di qualcuno. Siamo usciti dalla gara di Bologna con la squalifica di Goldaniga e Lirola ha la febbre, vedremo stasera chi sarà a disposizione. Dobbiamo cercare di reagire da squadra, servono concentrazione e intensità, alla Lazio non si può concedere un metro perchè ti punisce. Abbiamo studiato un paio di soluzioni tattiche e dipenderà anche dalle condizioni di alcuni ragazzi. Io provo sempre la difesa anche a cinque se affronto squadre che giocano a tre dietro, poi vedremo, perchè dobbiamo anche pensare al nostro gioco e a chi avrò a disposizione. Politano si è allenato con il gruppo due volte, non aveva un problema grave ma era da gestire, verificheremo con lo staff medico (Matri non sarà convocato per un problema al polpaccio. n.d.r.)

I neroverdi sono reduci da un mini ritiro a Novarello, motivato dalle avversa condizioni meteo in Emilia: “I ragazzi stanno lavorando, a Bologna abbiamo concesso dieci minuti ma poi la squadra ha avuto una grandissima reazione. Questo dimostra che il gruppo c'è e lavora bene. Giocatori della Primavera in ritiro con noi? Ho potuto valutare anche questi ragazzi, ma siamo in numero sufficiente per la partita. Rispetto a Bologna vorrei vedere più concretezza, anche perchè a volte in Serie A non solo per vincere ma anche per pareggiare servono almeno due gol”.

Sulla convocazioni di Berardi e Politano per lo stage della Nazionale: “Se me l'aspettavo? Sì, perchè avevo sentito Di Biagio e mi aveva chiesto informazioni sui ragazzi, ovviamente ho espresso parere molto positivo, perchè sono in crescita per quanto riguarda le prestazioni e la condizione fisica”.

** riproduzione riservata