Iachini: "Abbiamo fatto una piccola impresa"

04.04.2018 21:42 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 351 volte

Questo il commento di Beppe Iachini in sala stampa al Bentegodi dopo il pareggio col Chievo: “Abbiamo affrontato una squadra forte, ben allenata, noi abbiamo creato occasioni senza rischiare nulla dietro, poi c'è stato il fallo di Adjapong e siamo rimasti in inferiorità numerica. Nonostante questo la squadra è stata ordinata, attenta, e ha creato difficoltà al Chievo. Nel secondo tempo stavamo tenendo bene il campo, peccato per questa palla con rimbalzo in area di rigore, Lirola è stato preso in contro tempo e c'è stato il vantaggio loro. Noi abbiamo cercato il pareggio, ci siamo andati vicino con Politano e Ragusa e non abbiamo mai mollato fino alla fine, con testa a cuore. Siamo riusciti a fare una piccola impresa, credendoci sempre, questi valori ci saranno molto utili nelle prossime partite”.

Il Sassuolo esce dal Bentegodi con due infortunati e due espulsi, domenica bisogna andare a Milano: “Diciotto animali per fare un'altra partita si trovano sempre, anche oggi le rotazioni hanno dimostrato che possiamo contare su tutto il gruppo. Mazzitelli e Sensi erano usciti coi crampi dalla partita col Napoli in cui abbiamo speso tantissimo. Oggi non bisognava rischiare coi cambi, ci sono stati due infortuni, sono riuscito a fare non l'infermiere ma l'allenatore e abbiamo gestito la gara anche in inferiorità numerica. Tutti devono dare il loro contributo”.

Sulle ottime prestazioni di Missiroli: “Simone sta bene fisicamente, se gioca due partite consecutive vuol dire che sta bene, riesce a tenere la partita, dà una grande mano, riesce ad accompagnare l'azione d'attacco, sta attraversando un buon periodo e ne tengo conto. Non vale solo per lui, tutta la squadra ha fatto una grande gara, non meritavamo di uscire da qui con una sconfitta, abbiamo creato senza correre grossi rischi nemmeno in inferiorità numerica, Consigli non ha fatto una parata. Noi dobbiamo continuare a lavorare, siamo stati penalizzati in diverse partite in cui abbiamo sbagliato dei rigori, preso dei pali, non siamo stati cinici, ma abbiamo sempre dimostrato organizzazione, mentalità, cuore, lottando con lo spirito e la mentalità giusta e dobbiamo continuare a farlo per fare punti e arrivare al nostro obiettivo”.

Ancora sulla partita: “All'inizio abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo, altri li abbiamo fatti bene sbagliando l'ultimo passaggio, poi in inferiorità numerica è chiaro che le cose cambiano. Ho tenuto le due punte per non abbassare troppo la squadra e cercare di fare gol. Babacar era partito bene, poi in inferiorità numerica a noi serviva un attaccante diverso come Ragusa e Politano per alzare la squadra in velocità e poter creare i presupposti in campo aperto per fare gol, Ragusa e Politano offrivano profondità e pericolosità nell'uno contro uno, il cambio è dovuto a una scelta tecnica per come si era messa la partita in inferiorità numerica”.

**riproduzione riservata