Iachini: "A Crotone con personalità e mentalità giusta"

28.04.2018 09:16 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 282 volte

Al Sassuolo manca una vittoria per la salvezza matematica, domani nel lunch match allo Scida incontrerà un Crotone altrettanto motivato: "Vogliamo interpretare al meglio le prossime partite per dare continuità di risultati e prestazioni, ci aspetta una partita su un campo caldo, difficile. La squadra dovrà dimostrare organizzazione, personalità e mentalità, certe partite vanno affrontate con la testa giusta. Non dovremo aspettare, dovremo aggredire la partita da subito, non andiamo là a fare gli attendisti, perchè poi ogni sbavatura può costare cara. Zenga è un amico, abbiamo condiviso tante partite in Nazionale, il suo Crotone in casa ha dato noia a parecchie squadre, c'è da portare grande rispetto".

Sulla stagione: "La squadra ha sempre fatto buone gare e dobbiamo continuare a farlo cercando di far girare gli episodi dalla nostra parte con cinismo. In Serie A se non concretizzi, paghi dazio, ed è quello che è successo a noi nella parte centrale della mia gestione. Può accadere di non raccogliere quanto semini, ma se continui a lavorare con convinzione, prima o poi i risultati arrivano. Credo che i ragazzi siano tutti cresciuti e, oltre al risultato sportivo, per l'allenatore è importante anche la valorizzazione e la crescita di tanti giovani, oltretutto in un momento non facile. Questo per me è motivo di grande soddisfazione".

Sulle condizioni della squadra: "Stanno tutti bene, per Politano solo una contusione rimediata contro la Fiorentina, ma non ci sono problematiche".

Sulla catena di destra mancherà Adjapong: "Ci sono tre candidati a sostituirlo, vedrò se scegliere un difensore, un centrocampista o un attaccante, ma faremo la nostra gara a prescindere dagli interpreti, siamo abituati alle defezioni. Arrivo sempre alla partita senza dubbi perchè i ragazzi mi danno la certezza che, chiunque metterò in campo, farà la partita giusta".

Sul lunch match: "Noi giochiamo all'ora a cui ci dicono di giocare, senza scuse o alibi. Voglio concentrazione e motivazione".

Sul modulo: "Dipende dai giocatori a disposizione, ma non conta quello, conta l'interpretazione, stiamo segnando più adesso rispetto a quando abbiamo giocato con tre attaccanti, ad esempio".

**riproduzione riservata