Di Francesco: "Col Bologna servirà la massima attenzione"

24.10.2018 13:15 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 223 volte

Quella di domenica sarà una partita da ex per Federico Di Francesco, che ha passato due stagioni a Bologna con 48 presenze e 5 reti segnate: "Partita speciale? Speciale è un termine grande ma è una partita a cui tengo in cui giocherò contro i miei ex compagni, mi fa piacere ritrovarli sul campo, ho ricordi supendi a Bologna", le parole dell'attaccante neroverde in conferenza stampa.

Sul match di domenica: "Sarà una partita difficile, contro una squadra che si chiude bene e riparte con grande velocità, servirà attenzione massima da parte nostra. Il Bologna è cambiato ma ha ancora giocatori di grande qualità come Orsolini, Poli, Palacio...dovremo stare attenti alle ripartenze e alle giocate individuali".

Sul pareggio di Genova: "Abbiamo un'identità da inizio anno, cerchiamo di giocare dal basso e di essere molto offensivi, a Genova è stato uno 0-0 anche piacevole, entrambe le squadre hanno avuto occasioni e sono allenate da due allenatori che danno un'identità ben precisa. E' stata una bella partita di cui sono contento perchè dopo due sconfitte era importante tornare a fare punti. C'è voglia di tornare a vincere, prima del Milan le avevamo vinte tutte in casa e vogliamo ritrovare continuità. Soprattutto col Milan credo che il risultato sia stato esagerato, abbiamo preso quattro gol da fuori area, noi giochiamo in maniera offensiva e si rischia di più ma abbiamo difensori di qualità che sanno metterci una pezza".

Sulla sua esperienza a Bologna: "Sicuramente mi sarebbe piaciuto fare meglio l'anno scorso, l'infortunio e errori miei, di inesperienza e gioventù, non mi hanno permesso di fare quello che volevo. Ma, nonostante gli alti e bassi, ho ricordi bellissimi, sono stati due anni pieni".

Sul suo utilizzo come esterno di centrocampo: "In quel ruolo devo dare di più in fase difensiva, coprire più campo, ma a Genova soprattutto nel primo tempo mi sono trovato bene, nella ripresa è stato più difficile perchè loro ci venivano a prendere più alti. Il mister mi aveva detto a inizio stagione che avrei potuto fare anche quel ruolo, sicuramente devo migliorare".

Sulla scelta di venire a Sassuolo: "Sono contento di essere qui, mister e società lavorano bene, i compagni sono dei grandi professionisti, per me dobbiamo continuare così perchè stiamo facendo un buon campionato e possiamo crescere ancora. Europa League? Siamo all'inizio, possiamo crescere e so che c'è la volontà di farlo senza accontentarsi, non so dove arriveremo".

**riproduzione riservata