De Zerbi: "Loro bravi, noi in albergo i primi 20 minuti"

25.11.2018 15:18 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 410 volte

Questa l'analisi di De Zerbi dopo la sconfitta del Tardini. «Poche occasioni da gol? Non credo, il destro di Berardi è un'occasione, il tiro di Babacar salvato sulla linea lo è, come lo sono quelle di Matri e di Duncan. Contro un Parma che si chiude così bene è difficile crearne di più, poi che non le abbiamo sfruttate è un altro discorso. Non so se un pareggio sarebbe stato più giusto, non faccio mai queste valutazioni, a maggior ragione oggi, D'Aversa è un amico, ma le opportunità per fare il 2-2 le abbiamo avute”.

Il problema più grande del Sassuolo rimangono i gol subiti nei primi minuti: «Quelli sono responsabilità mia, perchè se la cosa si ripete allora la colpa è dell'allenatore. Fa rabbia perchè sapevamo che il Parma sarebbe partito forte ed è andata così, noi siamo rimasti in albergo fino al 20'. Ma su questo aspetto ci matto mano, non so se riuscirò a sistemarlo, ma di sicuro ci metto mano, in realtà lo sto già facendo”.

Sul nervosismo in partita e le decisioni arbitrali: «Penso che il rigore ci fosse, non ho nulla da dire sull'arbitro, se il secondo non l'ha dato evidentemente non c'era, non mi piace parlare di queste cose. Se la partita è stata spigolosa, allora dovevamo esserlo di più anche noi, in queste gare serve un po' più di agonismo”.

Sui cambi: “Boateng ha avuto un problema muscolare, Magnanelli l'ho tolto per avere più rapidità e imprevedibilità in mezzo al campo con Sensi”.

Ci si aspettava Sensi titolare: “Stefano ha fatto 90' con la Nazionale e poi fa parte di un reparto in cui ci sono altri giocatori forti. Cerco di scegliere i giocatori che mi sembrano più adatti alla partita, sperando di non sbagliare, perchè l'allenatore è quello che sbaglia più di tutti”.

**riproduzione riservata