De Zerbi: "Ho una squadra forte che può crescere tanto"

02.09.2018 23:08 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 411 volte

De Zerbi commenta così in sala stampa la vittoria sul Genoa: “Io mi aspettavo una partita difficile, quale è stata, perchè il Genoa è forte e sa stare in campo, ha giocatori imprevedibili, veloci, tecnici, che difendono il pallone e lo portano nella metà campo avversaria. Il 5-1 non era forse un risultato giusto, anche se abbiamo fatto bene, così come i due gol presi sono frutto di due disattenzioni nostre”.

Cambio modulo dovuto all'avversario? “Io cerco sempre di studiare, poi a volte escono cose buone e a volte no. Ho una squadra forte, e va dato merito alla società di averla allestita, una squadra che può e deve dare di più, perchè è giovane e ha ampio margine di crescita. Chiedere di più diventa difficile, ma dobbiamo imporcelo, per diventare grandi il prima possibile. Dobbiamo chiedere di più oggi proprio perchè siamo in un momento felice”.

Ancora sul match: “Il Genoa all'inizio ha avuto più comando del gioco, ma azioni grosse non ne ha fatte, o forse ne ha fatte alcune individuali con Pandev, che ne ha fatte due da fenomeno quale è. Poi siamo andati sul 5-1 e alla fine ci siamo trovati contro una squadra che non aveva più niente da perdere e abbiamo commesso qualche disattenzione, è il prezzo da pagare per l'anagrafe dei miei giocatori. Ma oggi vanno fatti i complimenti alla mia squadra, a tutti, da quelli in campo fin dall'inizio a quelli che sono subentrati, Dell'Orco ha giocato cinque minuti e si è fatto trovare pronto. Babacar, Boateng e Berardi, se stanno bene e vengono serviti nella maniera giusta, hanno qualità da vendere. Io ho il difetto che i miei giocatori li vedo come i miei figli, per cui per me sono i migliori. Boateng lo abbiamo cercato e inseguito e siamo contenti di averlo. Così come siamo contenti di avere Berardi, ma anche altri che ancora devono esplodere, come Djuricic, Brignola, Marlon, Boga, Sensi...La squadra è forte, dobbiamo solo maturare velocemente”.

**riproduzione riservata