De Zerbi: "Berardi? Credo rimarrà"

01.08.2018 23:00 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 383 volte

Questa sera al Ricci è stato presentato il Sassuolo 2018/2019, che poi ha giocato una partita contro la Primavera, vinta per 6-0 (a segno Duncan, Babacar, Boga, Berardi, Raspadori, Odgaard): "La squadra ha giocatori forti - le parole di Roberto De Zerbi al termine del match - è chiaro che non è tantissimo tempo che siamo partiti e non manca tantissimo al campionato, ma dobbiamo avere la voglia di capirci subito e di presentarci al meglio possibile già dalla prima partita. La condizione fisica è al pari delle altre squadre, a livello di conoscenza non è facile arrivare subito al 100% per sincronismi e automatismi, cercheremo di fare il meglio possibile, è chiaro che le partite sono la cosa più allenante da questo punto di vista".

Babacar e Boateng sono usciti acciaccati: "Per Babacar è una botta alla caviglia, per Boateng un indurimento muscolare in una zona che aveva già sofferto a fine ritiro".

Carnevali ha annunciato l'arrivo di Brignola, manca altro? "Qualcosina manca, la società lo sa e stiamo cercando di chiudere il cerchio. Quando punti a giocatori di qualità alta, è più difficile raggiungerli, cercheremo di farlo, se non ce la faremo abbiamo comunque anche altre soluzioni. Vediamo di arrivare ai primi della lista, se non sarà possibile faremo altro, ma comunque arriveranno giocatori funzionali per il Sassuolo società e per il Sassuolo progetto tecnico".

Berardi dal palco ha chiesto che Missiroli rimanga, confermando di fatto anche la sua permanenza in neroverde: "Io non l'ho convinto e non ho forzato troppo il mio ruolo per cercare di fargli cambiare idea, ma da quello che sembra, da come si sta allenando, da quello che mi ha detto sembra che voglia rimanere e non c'è persona più felice di me perchè, se questo è il rendimento e l'atteggiamento che ha in allenamento e in campo, è un giocatore al di sopra del nostro livello e ci porta vantaggi".

E a proposito di Missiroli: "Il Sassuolo ha sempre avuto un gruppo di giocatori importanti e su questo voglio basare il primo anno della mia esperienza e anche di più perchè sono stati la fortuna del Sassuolo e spero che siano anche la mia fortuna. Poi però vanno fatte delle scelte, con lucidità, prendendosi delle responsabilità e cercando di sbagliare il meno possibile, perchè il più bravo è chi sbaglia di meno. Parlare di uno o dell'altro non è giusto, stiamo ancora valutando, ma tutto viene fatto alla luce del sole, con la massima trasparenza e la massima lealtà".

Sull'abbraccio della città: "I tifosi hanno risposto in maniera molto calorosa e ci fa piacere. Non siamo una piazza che porta allo stadio migliaia di spettatori, ma la passione non va in base al numero di tifosi, cercheremo di dar loro delle soddisfazioni".

**riproduzione riservata