Acerbi: "Ribadisco che a Sassuolo non resto"

 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 1239 volte

Francesco Acerbi ha parlato a Sky Sport intervistato da Marco Nosotti a Carrara, dove questa sera giocherâ una partita benefica per Amatrice, e sarà uno dei premiati col “Pallone  di marmo”: “Col Galatasaray non si è fatto nulla, non si sono messe d’accordo le società – ha detto il difensore in merito alle voci di mercato - sullo Zenit non so dire nulla, io sono qui ad allenarmi”.


Molti lo hanno accostato alla Roma dell’ex mister neroverde: “Se andrei da Di Francesco?  So che non  mi chiamerà, quindi inutile  pensarci”.


La certezza è che non resterà nel club emiliano: “Io ho parlato con la società a gennaio, dicendo che a fine anno sarei andato via, non perché a Sassuolo stia male o perché sia presuntuoso, allora  ho rifiutato il Leicester e ho detto che però sarei rimasto solo fino a giugno. Chiaramente ho ancora un anno di contratto e non è una situazione facile anche per il Sassuolo, però la cosa che so è che sicuramente non resto, ne sono convinto e non mi rimangio la parola, l’ho detto mesi fa, è una decisione ponderata. Se il no del Sassuolo al Galatasaray mi ha infastidito? È normale che a certe cifre è dura rinunciare, e il Galatasaray è una buona piazza, ma il Sassuolo fa la sua parte, è normale. È ovvio che siamo persone civili, io ho dato tutto quello che avevo in questi anni, è giusto che ci si venga incontro, ma non mi occupo io di queste cose, ci pensa il mio procuratore. Io penso sono a migliorarmi e punto a fare sempre meglio dell’anno precedente, non per niente sono qui ad allenarmi dal 19 giugno”.