Torneo di Vignola: in finale il Sassuolo cede alla Roma

23.08.2018 22:40 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 575 volte

SASSUOLO-ROMA 0-3

Sassuolo: Campani, Agnelli (27'st Castelluzzo), Aurelio, Ghion (21'st Viero), Dembacaj, Ferraresi, Manzari, Bartoli, Pellegrini (1'st Raspadori), Kolaj (21'st Mattioli), Giordano (11'st Giani).

A disp.: Turati, Merli, Bellucci, Casini, Fiorini, Artioli, Gubellini.

All.: Stefano Morrone.

Roma: Cardinali, Bouah, Semeraro, Bianda (42'st Trasciani), Cargnelutti, Pezzella, D'Orazio, Greco, Celar, Riccardi, Besuijen (21'st Cangiano).

A disp.: Zamarion, Santese, Parodi, Nigro, Simonetti, Silipo, Bucri, Buso.

All.: Alberto De Rossi.

Arbitro: Mescoli di Modena.

Assistenti: Ticci e Crovetti.

Reti: 40'+1pt D'Orazio (R), 14'st Celar (R), 39'st Cangiano (R)

Note: ammoniti 27'pt Bartoli (S), 13'st Ferraresi (S), 20'st Celar (R), 37'st Cargnelutti (R). Angoli 2-4. Due tempi da 40', Pt 2' di recupero, St 4' di recupero.

 

La 50^ Edizione del Torneo di Vignola va alla Roma, che al “Caduti di Superga” batte il Sassuolo per 3-0 in finale. Primo tempo frizzante, al 4' Manzari cerca il gol, Cardinali si fa trovare pronto e devia la sua conclusione in corner. La Roma risponde subito con un colpo di testa di Besuijen alto sulla traversa. Al 16' Celar si divora una clamorosa occasione sbagliando un tap in, mentre al 32' è Campani a togliere da sotto la traversa un missile di Greco dalla distanza. In pieno recupero, i giallorossi trovano il vantaggio: cross di Semeraro da sinistra a pescare dalla parte opposta D'Orazio, che di prima intenzione trova l'angolino alle spalle del portiere. Allo scadere Kolaj su punizione impegna Cardinali, bravissimo ad evitare il pareggio neroverde. Al 13' della ripresa è ancora D'Orazio a impensierire il Sassuolo, ma la sua conclusione finisce sull'esterno della rete. Un minuto dopo uscita di Campani, confusione in area, Celar svetta e insacca il 2-0. Morrone schiera una squadra a trazione anteriore, ma l'unico guizzo arriva al 28' con una grande giocata di Raspadori, che si gira al limite dell'area e col sinistro non trova la porta per un soffio. Allo scadere Cangiano dalla distanza fissa il risultato sul 3-0.

**riproduzione riservata