Curva Nord della Lazio sanzionata per i cori razzisti

 di Valentina Spezzani Twitter:  articolo letto 107 volte

Il giudice Gerardo Mastandrea ha predisposto la chiusura per un turno della Curva Nord della Lazio per i cori razzisti contro Adjapong e Duncan, sanzione che si somma a quella inflitta a maggio, che era però stata sospesa. Questo il comunicato della Lega: "I sostenitori della società Lazio, assiepati nel settore “Curva Nord”, nel numero di circa 2000 (rispetto a n. 5449 occupanti), si rendevano responsabili, al 31° del primo tempo ed al 33° del secondo tempo, di cori espressione di discriminazione razziale, durati alcuni secondi, nei confronti, rispettivamente, dei calciatori del Sassuolo Adjapong Claud e Duncan Alfred". La sanzione prevede "una gara con il settore denominato “Curva Nord” privo di spettatori. Dispone, altresì, la revoca della sospensione dell’esecuzione della sanzione inflitta in occasione della gara Roma-Lazio del 30 aprile 2017 (CU LNPA n. 197 del 2 maggio 2017), per mancata decorrenza dell’annuale “periodo di prova”". Insomma, la sanzione andrà ad aggiungersi a quella che condannava la Lazio dopo il derby contro la Roma. La pena era stata sospesa per un periodo di un anno, con l’avvertenza che, se durante tale periodo fosse stata commessa analoga violazione, la sospensione sarebbe stata revocata e aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione. La Curva Nord resterà quindi chiusa per Lazio - Cagliari e Lazio - Udinese.